Le Assicurazioni

L’Origine delle Assicurazioni

L'Origine delle AssicurazioniL’Origine delle Assicurazioni è antica, giacchè nell’istinto di tutte le persone è presente il bisogno di difendersi contro gli imprevisti.

Le prime forme di assicurazione risalgono all’antico Egitto dove nel 2700 A.C. i tagliapietre che costruivano i palazzi per i Faraoni e le piramidi costituirono una cassa comune per sostenere le spese per il funerale dei loro associati.

In Grecia, ad Atene già nel V secolo a.C. c’erano associazioni di mutuo soccorso i cui soci di auto tassavano per sostenere le spese dei soci che avevano subito un lutto o una perdita economica.

A Roma c’erano associazioni che avevano lo scopo di favorire l’assistenza e la beneficenza fra gli associati.

I Romani con il prestito marittimo o “fenus nauticum” assicuravano i rischi della navigazione. Il rischi di perdere i preziosi carichi che venivano trasportati ha stimolato la nascita di intermediari, a Firenze sull’Arno, che contro il pagamento di un premio “assicurativo” garantivano all’armatore, il risarcimento del valore del carico della nave nel caso in cui non fosse arrivata in porto.

A Genova nasce una società di assicurazione nel 1424, la “TAM MARI QUAM TERRA”.

A Londra nella taverna del Sig. Lloyd’s veniva redatto un bollettino sull’arrivo in porto e sui naufragi delle navi sulle quali si erano fatte le “scommesse”, cioè i frequentatori della taverna (Coffee House) sottoscrivevano delle quote sul buon fine del viaggio di una data nave. Così si iniziò a ripartire e frazionare il rischio.

Con l’incendio di Londra del 1666 si iniziò ad assicurare le case contro il rischio degli incendi e di altre catastrofi naturali.

Perchè si chiama Premio?

Perchè si chiama premio?

Normalmente si pensa al premio come una ricompensa per una gara vittoriosa o come il risarcimento dei propri meriti.

In assicurazione il “premio” ha lo stesso significato; l’assicuratore incassa un “premio” in cambio dell’assicurazione del rischio e del risarcimento del danno derivante dal verificarsi di un evento dannoso.

L’assicurato paga un “premio” all’Assicurazione perché trasferisce il “rischio” di sopportare le conseguenze economiche di un evento dannoso all’Assicuratore.

Cioè nel caso in cui ad esempio si sviluppi un incendio che distrugge la propria casa, l’Assicurato riceverà dall’Assicuratore l’indennizzo del danno subito, mentre se non succede nulla l’Assicurazione si terrà il “premio” che l’assicurato ha pagato.

Le Assicurazioni nell’era moderna sono diventate delle grandi Compagnie con patrimoni adeguati a garantire i rischi che sottoscrivono e per fare questo ricorrono alla Riassicurazione cioè trasferiscono a loro volta parte del rischio ad altre società: le compagnie di RIASSICURAZIONE per cui il singolo rischio è suddiviso in tante piccole parti, in modo che al verificarsi del sinistro ciascuno contribuirà a rimborsare il danno con una piccola parte del proprio patrimonio.

Questo è alla base del principio assicurativo, spezzettare il rischio in tante piccole parti in modo da non “rischiare” troppo su un singolo sinistro.

In Italia la prima società mutua di Assicurazioni è l’ITAS fondata nel 1821 e la prima società per azioni è la Compagnia di Assicurazioni di MILANO, fondata nel 1825.

La nostra Agenzia ha avuto ed ha l’opportunità di operare sia per la MILANO ASSICURAZIONI che con l’ITAS (Istituto Trentino Alto Adige di Assicurazioni).